Gelosia secondo Wikipedia

5 Dic

La gelosia è una sensazione provata sia dall’uomo che dalla donna, è un tipo di paura di ritorno dovuta ad una sofferenza (causata probabilmente da un rapporto passato, in cui la fiducia nel partner è venuta meno).

Si verifica nella persona gelosa per desiderio di possessività o di eccessiva protezione nei confronti del partner.

La gelosia ha molte saccettature, le più comuni sono legate alla sfera dei sentimenti e degli affetti, ma anche all’ambito lavorativo. Questa eccessiva voglia di protezione o di possessione cela un’insicurezza profonda.

La gelosia, così come la conosciamo, può attraversare diversi stadi, che sono difficilmente schematizzabili; essi sono differenti da persona a persona quanto al momento ed al tipo della sua manifestazione. Può verificarsi una sorta di gelosia già quando si prova quel famoso sentimento  provato verso qualcuno/a di amato/a nel caso in cui  non si venga corrisposti (sempre che tra i soggetti non ci siano ancora stati rapporti) e si provi fastidio nell’apprendere che quella persona abbia consumato rapporti con altre persone.

La gelosia più classica è quella presente nelle coppie,  tale gelosia può manifestarsi in diverse tipologie, che vanno dal semplice fastidio nel venire a conoscenza di rapporti anche solamente d’amicizia tra il partner ed altre persone estranee, fino ad arrivare alla possessività più estrema, quella in cui si cerca di controllare ogni spostamento ed atteggiamento ritenuto sospetto del proprio partner, quasi il tenere d’occhio l’altra persona diventasse una missione di vita.

Dopo un rapporto finito, magari in modo traumatico, si crea una forma di gelosia terribile, che spinge il soggetto che non ha visto il proprio amore corrisposto a compiere azioni  deplorevoli nei confronti dell’ex partner al fine di riaverlo o di vendicarsi. Questo è lo stadio depressivo che induce il soggetto innamorato ad essere ossessivo, rischiando anche di far sfociare la cosa in episodi violenti (non raro). Il soggetto geloso, accecato da questa sensazione, ignora il mondo circostante e, più in generale, tutto ciò che sia estraneo all’oggetto del desiderio. Questo è un risvolto patologico della gelosia che, invece, a piccole dosi dimostra semplicemente un attaccamento nei confronti del partner ed una paura cronica di perderlo.

La gelosia è  parte integrante della mente dell’uomo. Un partner non geloso non avrà interesse alla relazione. La gelosia, non eccessiva, può favorire un rafforzamento dell’unione. Inoltre, il partner che “subisce” la gelosia dell’altro, suole sentirsi protetto. In sintesi, la gelosia non è assolutamente da identificare come qualcosa di negativo, bensì come ulteriore dimostrazione del sentimento affettivo di un partner verso l’altro. Nel caso invece in cui la gelosia si porti a livelli eccessivi, non saremo più davanti alla da tutti ben conosciuta “gelosia”, ma ad un presentarsi sempre più insistente di patologie mentali e/o mancanza di fiducia.


Una Risposta to “Gelosia secondo Wikipedia”

  1. francesco dicembre 5, 2010 a 10:30 am #

    Sempre straordinaria sei, complimenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: